Segnalazioni

La “Casa dell’Agricoltura di Milano”, tra le proprie funzioni, si è anche posta il compito di informare la realtà dell’area metropolitana milanese e non solo sui momenti di riflessione, dibattito e impegno (convegni, workshop, firma di protocolli comuni, …) o legati a iniziative di intrattenimento (mostre, visite a musei, presentazione di libri, spettacoli…).
In questa pagina sono promossi eventi che hanno come finalità la costruzione di una mentalità condivisa sulla funzione agricola del nostro territorio.

Matilde Ferretto nel nuovo numero di Meridiana.
Oggi la presentazione online alle ore 16,00

Questo fascicolo di «Meridiana», partendo da un esame critico del concetto di green economy e del suo impatto sul lavoro e sull’occupazione, mette in evidenza le pluralità delle prospettive presenti in letteratura: dal rapporto tra sviluppo dell’economia verde e crescita occupazionale; alle sfide per lo sviluppo del capitale umano nel ridisegnare ad esempio una nuova classe di knowledge worker o nell’innovare le conoscenze nelle professioni più tradizionali; passando per la disamina delle relazioni tra comportamento ecologico e pratiche professionali; per concludere con la prospettiva degli attori collettivi, quali attori cruciali nella promozione di istanze progressiste in ambito ambientale capaci di influenzare l’agenda nazionale e internazionale sul tema. Inoltre, guardare ai cosiddetti «lavori verdi» rappresenta un osservatorio privilegiato di analisi per cogliere e ricostruire in maniera puntuale opportunità e vincoli alla transizione ecologica.
CHE COS’E’ MERIDIANA
Meridiana è un quadrimestrale che nasce nel 1987 come esperienza intellettuale di un gruppo di studiosi multidisciplinari legati tra loro da un progetto originario concentrato su una visione del Mezzogiorno come realtà plurale. Negli anni Meridiana ha allargato la sua attenzione prendendo in considerazione temi come le disuguaglianze, la regolazione politica e sociale, le problematiche ambientali, le rappresentazioni sociali e le differenze territoriali anche in aree diverse dalle regioni meridionali. Meridiana è, dunque, uno strumento multidisciplinare di interpretazione dei grandi temi che animano il dibattito pubblico nazionale ed internazionale.
Segui l’iniziativa

29 settembre. Giornata internazionale della Consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il 19 dicembre 2019, ha ufficialmente introdotto la “Giornata internazionale della Consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari” – International Day of Awareness for Food losses and waste. Da quest’anno, insieme al 5 febbraio – “Giornata Italiana di Prevenzione dello spreco alimentare” – il 29 settembre entra nel calendario sostenibile annuale di ogni cittadino, impresa o associazione che aderisce ai contenuti proposti dall’Agenda 2030.
Nelle nostre case sprechiamo ogni anno cibo per un valore di 12 miliardi di euro, ovvero 700,7 grammi che ci costano 3,75 euro ogni settimana.
“Ma la vera notizia è che la svolta possiamo essere noi: un cambiamento culturale può aiutarci a invertire la direzione e a dimezzare lo spreco pro capite entro il 2030, come fissato negli obiettivi delle Nazioni Unite. Noi – come associazione – non mancheremo di far sentire la nostra voce”, commenta Claudia Sorlini, presidente della Casa dell’Agricoltura.
Solo in Italia lo smaltimento dei rifiuti impropri (sprechi) produce 9,5 milioni di tonnellate di CO2 e impoverisce di 7.920 ettari di terreno l’anno, consuma inoltre 105 milioni di metri cubi d’acqua. Ogni tonnellata di rifiuti alimentari genera 4,2 tonnellate di CO2, il che significa che in un anno se ne generano quindi oltre 8 milioni. Senza sprechi nel nostro Paese le emissioni di CO2 potrebbero calare del 15%.

Il cordoglio per la scomparsa del Professor Francesco Lechi

È mancato ai suoi affetti, all’intera comunità degli economisti agrari e al mondo agricolo il professor Francesco Lechi.
Bresciano, agricoltore lui stesso, eminente studioso di economia agraria, professore alla Università Statale di Milano, era riconosciuto e apprezzato a livello internazionale in cui rappresentava la scuola economica Italia.
La Casa dell’Agricoltura esprime cordoglio e vicinanza per la famiglia e per l’intera comunità degli economisti agrari e del mondo accademico nel ricordo della sua attività scientifica associata a uno stile e sobrietà di modi che hanno fatto scuola.

Innovazione ‘naturale’

La Presidente della Casa della Agricoltura, professoressa Claudia Sorlini, è membro dell’Accademia dei Georgofili. L’Accademia ha chiesto alla nostra presidente di tenere la Prolusione per l’apertura dell’anno accademico, il 267esimo.
La Prolusione si sarebbe dovuta tenere in presenza, il 4 giugno scorso, ma le restrizioni sanitarie hanno impedito la realizzazione dell’evento. La Prolusione è stata quindi ospitata nel sito ufficiale dell’Accademia e la Casa dell’Agricoltura ha il piacere, e l’orgoglio, di poterla riproporre a tutti coloro che ne seguono l’attività.
Il testo si propone come impegnata riflessione sul tema dei microrganismi non solo al fine di dare evidenza all’importanza di questi microrganismi nel processo della vita, ma quale chiave di soluzione, non unica ma certamente non secondaria, al problema della innovazione in agricoltura. Paradossale è constatare che una soluzione per il futuro sia la riscoperta, non per la professoressa che è microbiologa agraria, di funzioni vitali che già operano nella biosfera, nel suolo agrario e persino nel nostro organismo e che sono stati a lungo relegati in una funzione gregaria per la produzione agricola.
In questa ‘riscoperta’ anche la parte più avanzata dell’industria dei mezzi tecnici per l’agricoltura si sta impegnando a ritmi accelerati.
L’agricoltura, anche per l’impulso delle sempre più forti politiche agricole di sostegno e in forza di una domanda di mercato altrettanto progressivamente esplicita, riflette su se stessa, si orienta a questa riscoperta e procede in modi diversi pensando al futuro. Altre sono le strade di una innovazione possibile come la digitalizzazione della interpretazione dei processi di crescita delle piante, il risparmio energetico e il riutilizzo delle deiezioni animali, la lettura delle condizioni idrogeologiche del terreno, la organizzazione del lavoro aziendale secondo schemi inediti. Ciononostante la generale capacità di riproporsi come settore che coniuga produzione per una domanda alimentare crescente, con una visione di insieme sostenibile e come presidio e tutela dell’ambiente non può prescindere dalla corretta individuazione di funzioni ed efficacia di una presenza tutelata dei microrganismi del terreno e in generale nella fisiologia di piante ed animali.

Leggi la prolusione

1 2 12