Faa2, un primo bilancio


Si è concluso il Corso del Formatore Agricolo Ambientale. Cinque partecipanti hanno conseguito l’attestato di profitto e presenza. Nella giornata finale il corso ha visto la partecipazione della Presidente della Casa dell’Agricoltura, Gioia Gibelli, che ha svolto una conversazione sul tema del paesaggio agrario e della sua funzione di testimone non solo dell’evoluzione dell’agricoltura, ma anche del territorio in una funzione di monitoraggio del buono, o cattivo, uso del suolo agrario. In definitiva degli assetti socio territoriali e della loro evoluzione.

A seguire la consegna degli attestati presenti la Presidente della Casa dell’Agricoltura Gioia Gibelli, Alessandro Banterle Responsabile scientifico del Corso, Giovanni Molina Segretario dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Milano la cui presenza ha ancora una volta connotato di istituzionalità il Corso.

Presenti con un messaggio Roberto Henke, Capo Dipartimento al CREA e Alessandro Monteleone, responsabile di Rete Rurale Nazionale, trattenuti in Roma per impegni precedenti.
Ci sarà occasione per un bilancio esaustivo di questa edizione del Corso che ha consentito una differente calibratura della organizzazione didattica, uno snellimento nella trattazione delle materie, una ricorrente esperienza di campo in siti produttivi e della ricerca scientifica, un confronto/verifica con agricoltori sulle diverse materie trattate nei singoli moduli didattici, i Seminari Critici. Per contro una permanente difficoltà di recupero di iscritti anche per i tempi di attivazione non sincroni con quelli di iscrizione.

A detta di tutti i partecipanti una più diffusa conoscenza fra i giovani laureati delle opportunità del Corso avrebbe sortito effetti più positivi di partecipazione che comunque è rimasta negli standard previsionali.

Per ora registriamo piena soddisfazione dei partecipanti, di noi organizzatori e l’augurio di migliorare per le prossime attività.