Un’opinione autorevole

La discussione sulla fase che l’agricoltura attraversa è in pieno svolgimento. Oscilla dalla rivendicazione di un ruolo produttivo al condizionamento ambientalistico, dalla necessità di produrre di più al dovere di affrontare i grandi temi del condizionamento climatico e della qualità produttiva. La sostenibilità come obiettivo permane. La discussione in corso è oggetto di azione politica e di rappresentanza e sarà sempre più vivace con l’approssimarsi delle prossime elezioni europee.

Ospitiamo un contributo di Antonio Boselli, allevatore di vacche da latte in provincia di Lodi, pubblicato sul quotidiano di quella città. Rappresenta un modo consapevole di analizzare la situazione, proposto con dati e valutazioni. 

Ovviamente opinabile. 

Lo proponiamo non solo perchè Boselli è personalità molto nota negli ambienti agricoli della Lombardia e amico della Casa dell’Agricoltura, ma soprattutto perché rappresenta una tipologia di agricoltore molto attento ai problemi, attento ancor più all’innovazione così necessaria per risolverli, attentissimo alla evoluzione generale della situazione dell’agricoltura mondiale, ma convinto del ruolo importante dell’agricoltura che rivendica e afferma.

Questa contrapposizione fra possibilità di produzione e tutela ambientale dei territori è molto evidente e ne abbiamo risentito anche nei Seminari Critici che concludono i moduli didattici del Corso di Faa. Gli agricoltori presenti alle conversazioni con gli studenti hanno variamente motivato tali argomenti.

Il corso quindi procede anche con un chiaro risvolto di attualità in ordine alle prospettive.

Casa dell’Agricoltura le sta valutando in coerenza con la propria attività. Sono in corso confronti anche con le Istituzioni regionali al fine di trovare uno spazio di approfondimento sui grandi temi in relazione alle iniziative sostenute dallA PAC, in particolare quelle di Sostegno alla conoscenza ed innovazione.

Vedremo con il prossimo anno la praticabilità di queste idee progettuali

Leggi l’articolo
Leggi il commento